Cinderella’s di Alexandros Stavropoulos al Festival dei Due Mondi. Spoleto

Primo lavoro coreografico

Sabato 3 luglio il Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti ospita lo spettacolo Cinderella’s, primo lavoro coreografico di Alexandros Stavropoulos, entrato in cartellone in sostituzione dello spettacolo “The American Moth” di Alan Lucien Øyen, annullato per criticità logistiche dovute alle restrizioni legate all’emergenza sanitaria.

Convergenza fra “high culture” ed elemento fiabesco

Stavropoulos sperimenta la convergenza fra “high culture” ed elemento fiabesco tralasciando gli approcci stereotipati al mondo delle eroine Disney. Nella performance la celebre fiaba si spoglia della sua narrazione classica per collocarsi nello spazio creato dalla musica di Steve Reich.

La High Culture

La high culture si rapporta all’elemento fiabesco solo tramite un rigido insieme di regole o connotazioni, favorendo così il ricorso alla logica piuttosto che all’emozione o, ancora, una ipotetica combinazione delle due. Questa dicotomia, che sembra dimostrare, o testimoniare, i modi in cui ciascuno dei due ambiti culturali proliferano e si diffondono, può anche a volte documentare e convalidare la loro netta distinzione. Diffuso e “popolare” è il fascino delle fiabe; “elitario” e governato dalle parole è il rapporto tra i prodotti della high culture e il suo pubblico.

Otto versioni di Cenerentola


Tuttavia, le cose non vengono analizzate solo per contrasti e opposti. Nel suo primo lavoro coreografico, Alexandros Stavropoulos sperimenta la convergenza di due ambiti apparentemente incompatibili: tralasciando gli approcci stereotipati al mondo delle eroine Disney, porta in scena otto versioni di Cenerentola, con una proposta che non vuole “modernizzare” in modo superficiale la celebre fiaba, ma anzi la spoglia della sua narrazione classica e la colloca nello spazio creato dalla musica di Steve Reich. Questo mix paradossale consente di “leggere” gli schemi minimalisti, ripetitivi, ritmici di Music for Pieces of Wood in modo molto diverso. I movimenti che si ispirano al film d’animazione Cenerentola sono trasformati in gesti enfatici dagli otto danzatrici, ma allo stesso tempo rimangono fedeli alla forma astrattiva e pulita della traccia musicale.

Esperienza di visione-ascolto


Alexandros Stavropoulos suggerisce che dovremmo porci sul confine sottile che separa i mondi apparentemente antitetici della musica e del movimento e permettere all’umorismo di permeare la musica, reinventando così l’intera esperienza di visione-ascolto.

Cast

COREOGRAFIA E CONCEPT

Alexandros Stavropoulos

CON

Lambrini Golia, Maria Kakoliri, Iro Konti, Despoina Lagoudaki, Maria Manoukian, Dafni Stathatou, Stefania Sotiropoulou, Katerina Christoforou

COMPOSIZIONE MUSICALE E SOUND DESIGN

Konstantina Polychronopoulou

COSTUMI

Francesco Infante

FOTO

Kat Georgoudis, Spyros Chatziangelakis, Dimitris Mamaloukos

Durata: 45 minuti

FONTE e INFO: www.festivaldispoleto.com

Gli ultimi articoli

Similar articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Subscribe to our newsletter

Instagram