Prima grammatica italiana della lingua dei segni dell’Università Ca’ Foscari: digitale e gratuita

È stata pubblicata  la prima grammatica italiana della lingua dei segni. Pubblicata dalla Casa Editrice dell’Università Ca’ Foscari, è disponibile in formato digitale, aperta a tutti e gratuita.

Funzione dell’opera

Quest’opera di oltre 800 pagine, si propone come riferimento sia per la LIS che per un pubblico anche di udenti per supportare le famiglie che spesso si trovano spiazzate davanti ad un figlio non udente. Inoltre si vuole offrire un supporto sulla lingua dei segni italiana agli studenti che la studiano, a professionisti (interpreti di lingua dei segni) e agli stessi non udenti che la usano.

Struttura del progetto

Nata non con una struttura tradizionale, ma direttamente pensata in digitale, si avvale di 1.541 video, 712immagini e 2.367 esempi per sopperire la ricchezza e complessità linguistica nonché la mancanza di intonazione, vitale in un dialogo, con la postura del corpo.

Storia della Lingua dei segni in Europa

Bisogna considerare che ogni linguaggio ha una sua lingua dei segni, che riflette anche la storia, il contesto locale e che è in continua evoluzione. Quindici è stata introdotta la “lingua nazionale per ogni territorio”, progetto a cui l’Italia non ha purtroppo aderito con gravi conseguenze sull’acquisizione linguistica dei non udenti che dovrebbe avvenire, come per tutti i giovani, in età precoce. Questa Grammatica Italiana della Lingua dei Segni, prima del genere in Europa, è un bellissimo segnale di inversione di tendenza.

Ca’Foscari

Ca’ Foscari ha da sempre posto al centro investito la lingua dei segni, inserendola dal 1999 nei programmi di insegnamento e recentemente anche con un corso in interpretariato della lingua dei segni a Treviso all’interno della Laurea magistrale in “Interpretariato e traduzione editoriale, settoriale” (in collaborazione con lo DSAAM).

Il progetto è stato realizzato grazie  progetto Horizon 2020 SIGN-HUB con la partecipazione del gruppo di ricerca del Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati della stessa Università. Alla grammatica della LIS hanno collaborato, oltre a Chiara Branchini e Lara Mantovan, Elena Fornasiero e Chiara Calderone, Dottoresse di ricerca in Lingue, culture e società moderne e Scienze del linguaggio (2020) a Ca’ Foscari, Alessandra Checchetto e Carlo Cecchetto dell’Università di Milano-Bicocca, e Mirko Santoro del CNRS di Parigi. 

Per la realizzazione della grammatica ci si è avvalsi anche del contributo prezioso di 7 collaboratori sordi che si sono resi disponibili per la raccolta dei dati e la registrazione degli esempi in video e immagini.

FONTE e INFO: www.edizionicafoscari.unive.it

Gli ultimi articoli

Similar articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Subscribe to our newsletter

Instagram