Raffaello: riapre a Roma la mostra fino al 30 agosto 2020

Riapre dopo il lockdown per Covid, e proroga la sua durata fino al 30 agosto 2020 l’imponente mostra a Roma che chiude le celebrazioni per i cinquecento anni dalla morte del grande pittore Raffaello Sanzio che proprio in questa città morì il 6 aprile 1520.

Oltre 200 le opere in esposizione tra dipinti, disegni ed opere di confronto per celebrare questa, come definito nel comunicato stampa, “Superstar” del Rinascimento nato in Urbino nel 1483 e morto a soli 37 anni dopo averci lasciato una numerosissima quantità di quadri e materiali.

Raffaello, formatosi a Urbino nella bottega del padre Giovanni Santi e in seguito sullo stile del Perugino, già ai primi del 1500 era tra gli artisti più richiesti in Umbria, Siena, Firenze e Roma.

Ispirata soprattutto al periodo romano che ne consacrò la grandezza, la mostra oltre a raccontare dettagliatamente tutto il percorso artistico di Raffaello Sanzio, ne espone le opere più celebri e tra l’altro impossibili da vedere vicine dato la loro collocazione ordinaria in varie città: La Madonna del Granduca e la celeberrima Velata (Galleria degli Uffizi), Santa Cecilia (Pinacoteca di Bologna), Madonna Alba (National Gallery of Washington), Ritratto di Baldassarre Castiglione e Autoritratto con amico (Louvre), Madonna della Rosa (Prado) (in fotografia),per citarne solo alcune.

Unica nel suo genere per la quantità di opere monografiche, la rassegna ha riaperto dopo la chiusura forzata per l’epidemia di Coronavirus con nuove modalità per visitare la mostra in sicurezza, visibili sul sito delle Scuderie del Quirinale.

Gli ultimi articoli

Similar articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Subscribe to our newsletter

Instagram